La Muvra - Scheda: [20-21/10/12] Pizzo Dipilio
Scheda: Pizzo Dipilio
 
  Pizzo Dipilio
Data: 20-21 Ottobre 2012
Ritrovo: Domenica 21 Ottobre
Ora: 17.00
Organizzato da: La Muvra Sicilia
Tipologia: Escursione
Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
Dislivello: -
Durata: 2 giorni

Visualizza

 

Leggi News

  Condividi:
 

RESOCONTO

INVIA RESOCONTO

Le prime luci del mattino segnano l'inizio di un nuovo giorno, sono le sette quando raggiungo il luogo dell'appuntamento. Pochi minuti e la squadra � radunata: Andrea, Panzer, Filippo e Paolone, � con loro che trascorrer� questi due giorni, siamo assonnati ma l'umore � alto e la voglia di lasciare il grigiore di Palermo � tanta.
Siamo diretti verso Mongerrati, una contrada posta a 1500 metri sul livello del mare nel cuore del Parco delle Madonie, tra i piccoli e caratteristici comuni di Isnello, Gratteri e Collesano. Dopo circa un'ora e mezza arriviamo a destinazione, una fattoria immersa in un'immensa vallata verde circondata dalle vette delle Madonie. Respiriamo a pieni polmoni, il sole � caldo e la giornata bellissima.
Dopo aver lasciato il superfluo nell'accogliente casale di Filippo e preparato gli zaini siamo pronti a metterci in marcia verso Pizzo Dipilo, dovremo superare un dislivello di circa 300 metri per raggiungere la vetta posta a 1800 metri di quota. Un'escursione per principianti si direbbe.
La strada di montagna che stiamo percorrendo � larga, poco ripida e ben battuta; ma la abbandoniamo presto, abbiamo altri programmi. Ci ritroviamo quindi in un sentiero inutilizzato da tempo, invaso da piante e sterpaglie tanto che a tratti ne perdiamo le tracce. Ma il vero problema � che quelli che da lontano ci erano sembrati innocui cespugli sono in realt� rovi, un'infinita distesa di rovi attraverso cui farci strada, ma l'alternativa � abbandonare e l'idea alla mia squadra proprio non va gi�.
Il caldo e la fatica ci costringono a stare in maniche corte e le spine ci graffiano le braccia, le gambe sono coperte dai pantaloni ma qualche spina passa lo stesso. Dopo circa due ore i rovi ci danno un p� di tregua, � quasi l'ora di pranzo e all'ombra di un albero solitario troviamo un posto dove fermarci e mangiare. Dopo circa mezz'ora riprendiamo il cammino, ma ad un tratto i rovi diventano talmente alti e fitti che siamo costretti ad aggirarli e per farlo ci arrampichiamo sul dorso di una frana. La salita si fa sempre pi� ripida via via che si procede verso la vetta, tanto che dobbiamo aiutarci parecchio con le braccia, ma almeno non dobbiamo pi� farci strada tra gli odiati rovi. Pur non essendo molto in alto la pendenza � davvero forte e la vista che si apre davanti a noi toglie il fiato: dominiamo tutta la vallata e le cime si estendono a perdita d'occhio davanti a noi fino a sbiadire nel cielo limpido. Continuiamo a salire per circa due ore cercando di affidarci alle rocce e agli appigli pi� stabili, sempre pi� su verso la vetta. La cima di Pizzo Dipilo � solo a una ventina di metri sopra di noi, ma il terreno � troppo ripido e instabile per poter proseguire e decidiamo di fermarci. Nessuno ha voglia di parlare, in silenzio contempliamo insieme lo spettacolo davanti a noi ma ognuno � immerso nei propri pensieri, � un momento di intensa introspezione.
Arriviamo a valle nel tardo pomeriggio, abbiamo il tempo di raccogliere la legna per la brace e per il fal� ed � gi� ora di cena. Ci dividiamo i compiti, c'� chi pensa al fuoco, chi apparecchia la tavola e chi prepara la carne. Poi mangiamo tutti insieme finch� tra un bicchiere e una risata arriva il momento di fare i seri.
Prepariamo il fal� e ci disponiamo intorno ad esso, leggiamo le parole di Evola e dell'imperatore Marco Aurelio che ci invitano a riflettere sul nostro modo di vivere l'escursionismo e la nostra vita di tutti i giorni, da militanti di CasaPound. Ci scambiamo reciprocamente le nostre riflessioni e concludo citando un pensiero di Gabriele Adinolfi che sembra esprimere al meglio quanto appena letto :"Perch� chi va in Muvra sale sentieri interiori ma scende di bivacco in bivacco a portare la conoscenza delle altezze. Chi va in Muvra non sfugge la quotidianit� ma la rinvigorisce perch� fa politica, fa azione sociale e semplicemente la eleva. La eleva con animo leggero e con il sorriso irriverente e metafisico di chi vive davvero."
Spento il fuoco, andiamo a dormire, siamo esausti ma felici.
La mattina dopo ci svegliamo presto, c'� tempo per una passeggiata nel bosco quindi ci vestiamo velocemente e ci mettiamo in marcia. Mantenendo un rigoroso silenzio riusciamo a vedere diversi daini e qualche cinghiale, che spettacolo.
Verso le dodici facciamo ritorno al casale, prepariamo una spaghettata veloce ma abbondante e una volta riordinate le stanze ci apprestiamo a fare ritorno a Palermo. Un'auto sospetta viaggia veloce tra le tortuose strade del Parco delle Madonie sulle note di "Fiesta Pagana" dei Mago de Oz.

 
 

FOTOGRAFIE

INVIA FOTOGRAFIE

 
 
 

20-21 Ottobre 2012

Ingrandisci locandina

RESOCONTO

FOTOGRAFIE

VIDEO


 

 
  Scrivi un tuo commento

()

• Prima di commentare la scheda, assicurati di aver letto i nostri Termini di Servizio e il nostro Regolamento.
Puoi scrivere un commento solo utilizzando un account Facebook, Yahoo, AOL o Hotmail.
La Muvra - Gruppo Escursionistico Montano
 

La Muvra
       
  GRUPPO:
Chi siamo 
Regolamento
Alimentazione
Specializzazioni
In Rete
NEWS:
Novita'
Articoli
Avvisi
Escursioni
Arrampicate
Speleologia
Eventi
SHOP:
Come acquistare
MODULISTICA:
Tesseramento e Assicurazione

 

CONTATTI:
Sedi
Responsabili
Telefoni
Email

 

ATTIVITA':
Escursioni
Arrampicate
Speleologia
Eventi

 

CONTENUTI:
Resoconti
Fotografie
Video

 

SERVIZI WEB:
Radio Bandiera Nera
Newsletter
Guestbook

 

 

2009-2014 La Muvra - Gruppo Escursionistico Montano  |  Pagine visitate:  Tracking Visits  |  Termini di Servizio - Regolamento - Pannello di controllo